Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Come ottimizzare la gestione dei cablaggi con le fascette per cavi

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Nelle case, negli uffici e in tutti gli ambienti di lavoro in generale ormai sono sempre presenti diversi dispositivi. Nella maggior parte dei casi tutte queste apparecchiature sono collegate tra loro o alla rete elettrica tramite cavi. La presenza di fili elettrici può causare non pochi problemi sia dal punto di viste dell'ordine che dal punto di vista della sicurezza.

Per fissare tutti i cavi in maniera stabile ed elegante è sufficiente utilizzare le apposite fascette. I fermacavi sono piccoli strumenti che non mancano mai nella cassetta degli attrezzi dell'elettricista, ma possono essere utilizzati anche per tanti lavori di fai da te. Semplici da usare, economiche e versatili, le fascette per cavi permettono di gestire ogni tipo di cablaggio. Per trovare quelli più adatti alle proprie necessità, può esser utile effettuare una ricerca sul web, digitando su google “fascette elettricista”, così da scegliere il rivenditore migliore che offre prodotti di qualità.

Ordine e sicurezza con le fascette fermacavi

I fili esterni alle pareti, ovvero quelli che collegano i vari dispositivi presenti nelle case e negli uffici, rappresentano una doppia fonte di problemi. Innanzitutto non sono belli da vedere: la loro presenza dà un'immediata sensazione di disordine, un disordine in grado di dare un'apparenza di non professionalità ad un ambiente di lavoro.

C'è poi il problema relativo alla sicurezza. Un filo sciolto e penzolante può rappresentare un pericolo vero e proprio per il cavo stesso, ma anche per le apparecchiature che vi sono collegate e soprattutto per le persone, che possono inciamparvi e cadere. Con le fascette fermacavo è un gioco da ragazzi riportare ordine, eleganza e sicurezza all'ambiente.

A seconda del tipo di cablaggio che si intende gestire e a seconda dell'ambiente in cui si deve realizzare il lavoro è necessario scegliere la giusta tipologia di fascette. Visto che si tratta di un articolo che viene utilizzato in una vasta gamma di settori, sul mercato sono disponibili diversi modelli, ognuno dei quali ha le sue particolari caratteristiche.

Come scegliere la giusta fascetta per la gestione dei cavi

Sul sito di RS Components è possibile trovare fascette e cavi per ogni esigenza. Il catalogo di questa ditta leader nella fornitura di componenti elettroniche ed industriali ha un'ampia sezione dedicata proprio ai vari tipi di fascette e clip serracavi, differenti per dimensioni, materiale, colore, sistema di aggancio alla parete e resistenza a trazione e temperatura.

Scegliere il modello più adatto è davvero molto semplice, ma prima di tutto bisogna avere bene in mente che tipo di lavoro si intende fare e che tipo di cablaggio si deve gestire. Utilizzando i filtri di ricerca bastano pochi clic per selezionare gli articoli in base al marchio, alle dimensioni, al materiale, alla tipologia e ad altre tante caratteristiche.

Le principali tipologie di serracavi

Le fascette serracavi standard sono sicuramente quelle più diffuse: sono delle piccole cinghie in materiale plastico composte da un unico pezzo che si serrano tramite un fermaglio autobloccante; sono disponibili in svariati formati e colori. Hanno il vantaggio di essere molto pratiche e molto economiche, ma sono praticamente monouso.

Per ovviare a questo inconveniente sono state lanciate sul mercato le fascette riapribili: possono essere utilizzate più di una volta e garantiscono la massima flessibilità perché consentono di aggiungere ulteriori cavi al fascio già creato. Sono una soluzione comoda per chi vuole raggruppare i fili in modo più ordinato.

Ci sono anche le fascette che non solo consentono di riunire i fili in un'unica matassa, ma che includono un sistema che permette di fissarli alla parete o su altre superfici. I modelli più semplici prevedono un fissaggio tramite adesivo, ma ci sono anche quelli che si bloccano al muro con una vite o con un tassello.

Se si devono gestire dei cablaggi particolari si possono utilizzare le fascette a testa doppia, che consentono di raggruppare due cavi paralleli, mantenendoli comunque separati. Per i lavori che prevedono l'esposizione dei cavi a condizioni estreme la soluzione migliore è rappresentata dalle fascette in acciaio, molto impiegate nei settori automotive ed industriali.

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK