Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Follonica - Le potature inadatte effettuate dall'amministrazione comunale

I danni della capitozzatura per la salute della pianta

| di Alessandro Saitta
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Quando arriva il momento in cui è necessaria una potatura alle piante sul nostro territorio, la nostra amministrazione agisce sempre in maniera inadatta ricorrendo alla 'capitozzatura', per usare metodi sbrigativi, anche se ciò influisce sulla salute delle piante. Dato che non sono un botanico, riporterò qui alcune cose che ho reperito in rete:

 

'La capitozzatura è la più dannosa tecnica di potatura degli alberi, eppure, nonostante più di 30 anni di letteratura e di seminari per spiegare i suoi effetti nocivi, la capitozzatura rimane una pratica comune. Questo opuscolo spiega perché la capitozzatura non è una tecnica di potatura accettabile e propone tecniche alternative migliori.

 

Cos’è la capitozzatura?

 

La capitozzatura è il taglio indiscriminato del fusto, delle branche primarie o di grossi rami.

 

Il motivo più comune per cui si pratica la capitozzatura è la riduzione delle dimensioni di un albero. Molte persone hanno paura che gli alberi troppo alti possano costituire un pericolo. La capitozzatura, tuttavia, non è un metodo adeguato di riduzione dell’altezza ed in generale delle dimensioni della chioma e non riduce il pericolo né di ribaltamento né di cedimenti. In realtà, la capitozzatura renderà l’albero più pericoloso nel lungo termine.

 

La capitozzatura indebolisce gli alberi.

 

La capitozzatura può rimuovere fino al 100% delle foglie dell’albero. Le foglie sono gli organi con cui l’albero produce il proprio nutrimento; rimuovendol l’albero rimane senza l’energia necessaria ad alimentare tutte le sue parti. La perdita di così tante foglie attiva un meccanismo di sopravvivenza che consiste nella produzione di rami di lunghezza maggiore ma più esili, così che l’albero possa recuperare, il più velocemente possibile, il suo volume fogliare. Questi rami hanno origine dalle gemme latenti che l’albero produce lungo il fusto e le branche e dalle gemme avventizie che si formano a livello dei grossi tagli. Tale meccanismo di sopravvivenza richiede un grande impiego di energia che l’albero preleva dalle sue riserve. Se l’albero non possiede una riserva di energia sufficiente, il rischio che muoia è molto alto. Un albero capitozzato è più vulnerabile agli insetti e alle malattie. Alcuni insetti sono effettivamente attratti dalle sostanze chimiche rilasciate dai tessuti interni esposti.

 

La capitozzatura causa il decadimento dell’albero.

 

I tagli della capitozzatura consentono un facile accesso alle parti interne dell’albero ai funghi agenti di carie del legno (alburno e durame) causandone il degradamento, provocando cavità e rendendo meno robusta la struttura. L’asportazione di una così grande quantità di foglie produce una grande quantità di radici morenti che minano l’ancoraggio dell’albero e causano una perdita di apporto di sali ed acqua. Un albero capitozzato ha un’aspettativa di vita molto inferiore rispetto ad un albero potato correttamente.

 

La capitozzatura può causare scottature per eccessiva esposizione alla radiazione solare.

 

L’improvvisa esposizione di branche e fusto ai raggi solari, a causa della rimozione di grosse porzioni di chioma, può provocare la scottatura dei tessuti appena al di sotto della corteccia. Queste scottature possono, a loro volta, provocare cancri, distaccamento della corteccia e perfino la morte della branca.

 

La capitozzatura crea pericoli

 

ai rami prodotti dalle gemme latenti ed avventizie al di sotto e a livello dei tagli della capitozzatura, nonché lungo le branche rimanenti ed il fusto, che sono molto lunghi e con attaccature deboli. Normalmente un ramo secondario cresce, di anno in anno, con il ramo principale, così che esso viene a trovarsi inserito nel ramo principale fin nella parte centrale di questo. I rami generati a seguito di un taglio di capitozzatura, invece, sono inseriti superficialmente al ramo. Questi rami hanno un’inserzione debole e possono facilmente spezzarsi.

 

La capitozzatura rende gli alberi brutti.

 

La naturale ramificazione di un albero è una meraviglia biologica. La capitozzatura distrugge irrimediabilmente la forma naturale di un albero lasciando, al posto di ramificazioni proporzionate e armoniose, orribili monconi. Senza foglie (fino a 6 mesi l’anno in climi temperati), un albero capitozzato appare sfigurato e mutilato; nel periodo vegetativo è una palla di fogliame, densa e senza grazia. Un albero capitozzato non potrà mai più tornare alla sua forma naturale.

 

La capitozzatura è costosa

 

Il costo della capitozzatura non si limita all’intervento in sé. Se l’albero sopravvive, richiederà entro pochissimi anni di essere nuovamente potato. La possibilità che vento e neve provochino la rottura di rami più o meno grossi è maggiore e sarà quindi necessario intervenire per rimuoverli. Se l’albero muore, dovrà essere rimosso.

 

La capitozzatura implica una serie di costi di manutenzione decisamente maggiori rispetto ai costi di una corretta potatura. Uno dei costi è la riduzione del valore della proprietà. Un albero sano e ben tenuto può incrementare fino al 20 per cento il valore della proprietà. Sfigurato e mutilato l’albero è considerato solo come una spesa.'

 

Se si è giunti fino a qui ci si è già  conto di quanto questa tecnica di potetura obsoleta possa essere dannosa, comunque vorrei riportare anche il comunicato del Municipio follonichese al riguardo:

 

'Sono iniziati questa mattina i lavori di abbattimento di 21 tigli su via Massetana, dall'intersezione con via Caduti sul Lavoro fino a via Monte Rosa.

 

Le piante, che in seguito all'abbattimento verranno sostituite, sono purtroppo malate e non poteva essere fatto nulla per salvarle. L'intervento è stato ritenuto necessario per garantire la sicurezza dei cittadini che ogni giorno si trovano a passare in una delle strade più trafficate della città

 

⚠️ Via Massetana resterà chiusa al traffico nel tratto interessato per tutta la durata dell'intervento'

 

Nel comunicato si dice che 'purtroppo' i 21 tigli verranno abbattute perché malate… Purtroppo??? Purtroppo per anni le avete potate a CON ASSOLUTO MENEFREGHISMO e le avete fatte ammalare!

 

Ora come inevitabilmente accade la nostra amministrazione al posto dei tigli abbattuti, procederà con la piantumazione di piante piccolissime, evitando di spendere troppi dei nostri soldi nel ricorrere a piante già adulte e a ditte specializzate in tali opere.

 

In quel modo forse i nostri soldi risparmiati potranno essere impiegati in spese inutili, ma che portano più guadagno nelle tasche dei nostri amministratori. Sarà così?

 

        Con affetto

Alessandro Saitta

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK