Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ritardi nell'apertura della mensa scolastica

Comune Aperto: "Di chi è la responsabilità? Del sindaco o della dirigente scolastica?"

Condividi su:

"I vecchi saggi di una volta erano soliti dire che quando i dottori litigano, il peggio è per il malato". Esordisce così Comune Aperto, gruppo consiliare di minoranza, riguardo la vicenda che vede ritardare l'apertura delle mensa scolastica nel comune di Manciano. "Noi di  Comune Aperto, non osiamo pensare che ci siano problemi fra la dirigente scolastica Carboni ed il sindaco Galli, anche se la situazione vista e udita dai genitori di molti alunni dimostra tutto un altro quadro. Riguardo la vicenda della mensa scolastica, all'ultimo consiglio comunale, il gruppo di minoranza ha espressamente rivolto una domanda al sindaco Galli: "Se un genitore è arrabbiato per l'apertura della mensa posticipata a novembre, a chi deve rivolgersi per avere spiegazioni in merito? A lei sindaco Galli o alla dirigente scolastica Carboni?". 

Una domanda alla quale il sindaco Galli ha dato una risposta (che tra l'altro non risulta trascritta nei verbali del consiglio comunale) addossando la responsabilità di questo disservizio alla stessa dirigente Carboni, che, come riportato dal primo cittadino, avrebbe espressamente richiesto all' amministrazione di posticipare l' apertura della mensa, non avendo docenti a disposizione.

E la dirigente scolastica Carboni che spiegazione dà riguardo questo ritardo di apertura della mensa? Viste le continue dichiarazioni fortemente contraddittorie che si dicono da una parte e dall'altra, ecco che qui la domanda sorge spontanea: dove sta la verità? Viene spontaneo porre un'altra domanda: poiché il sindaco si è dimenticato di dire in consiglio comunale che la mensa è aumentata oltre i 5euro a pasto, aumento giustificato dall'adeguamento Istat, non è che tale ritardo sia stato appositamente creato per far risparmiare ai genitori i costi di 2 mesi di mensa? Resta il fatto che comunque i cittadini di Manciano si troveranno nuovamente un altro bel balzello, oltre alla già tanto amata tassa di soggiorno, Imu al massimo, Tares triplicata etc. etc.. In tutta questa vicenda, dove è il PD mancianese che tanto pensa al sociale e alla cultura?"

Comune Aperto
Gruppo di Minoranza

Condividi su:

Seguici su Facebook