Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ciclabile per Marina, Legambiente chiede un ripristino repentino

Condividi su:

GROSSETO - Rispetto allo scorso anno e a due anni fa Grosseto ha migliorato il dato sulla presenza di bici in città. Nonostante tutto c'è ancora molto da fare, sia per la sicurezza e la tutela dei ciclisti sia per l'aumento delle piste ciclabili. A partire proprio da quella che collega Grosseto a Marina di Grosseto, chiusa per motivi di sicurezza pochi giorni fa dall'amminstrazione comunale.

“Chiudere per motivi di sicurezza la ciclabile tra Grosseto e Marina – afferma Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente – è stato sicuramente importante per mettere la salvaguardia dei ciclisti davanti a tutto. Altrettanto importante è però, adesso, intervenire con i lavori di ripristino del fondo stradale e riaprire in tempi brevi quel tratto di ciclabile molto importante per i ciclisti maremmani. Oltre a questo rimane prioritario moltiplicare in città le piste ciclabili, le zone a traffico limitato e soprattutto le zone a limite 30: che diminuiscono “a costo zero” il traffico di auto abbattendo l'incidentalità e consentono maggiore sicurezza e libertà alla mobilità dolce. Vogliamo trasformare Grosseto e la Maremma in un laboratorio nazionale per la ciclabilità e renderla più sicura, diminuendo gli incidenti e incentivando l'uso della bici non solo come mezzo occasionale ma come vero e proprio mezzo di trasporto per studenti, lavoratori, pensionati e cittadini. Allo stesso tempo è importante realizzare anche infrastrutture che favoriscano il cicloturismo nella nostra provincia”.

Condividi su:

Seguici su Facebook