Orbetello, Casamenti risponde alla Paffetti: "Per il Sindaco esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B"

| Categoria: Attualità
STAMPA

ORBETELLO - Non si è fatta attendere la replica di Andrea Casamenti, Capogruppo consiliare Oltre il Polo, in merito alla questione autostrada: questa la replica di Casamenti nei confronti del Sindaco Paffetti.

"Abbiamo letto la risposta del Sindaco Paffetti sull'autostrada, e siamo rimasti esterefatti di come possa tentare di mascherare la realtà cercando di trasformarla contro i cittadini a suo piacimento. Dalle parole del Sindaco emerge in modo chiaro ed inequivocabile che nel territorio del Comune di Orbetello c'è una spaccatura: esistono moltissimi cittadini di serie B che possono essere sacrificati, e pochi cittadini di serie A da tutelare. Per tenere in considerazioni i pochi eletti, il Sindaco Paffetti sacrifica un intero territorio e si disinteressa di tutti gli altri. Gli abitanti di Fonteblanda, Albinia, Polverosa, San Donato, Orbetello Scalo considerati di serie B dovranno subire un tracciato pessimo. Un qualcosa che non scontenti pero' pochi eletti agli occhi del Sindaco. A questo Sindaco interessa soltanto proseguire nella sua inutile ed incomprensibile crociata demagogica che l'ha isolata dal mondo. La giunta ha sposato il tracciato arancione che distruggeva San Donato, Polverosa, Fonteblanda e campagne soltanto perchè così avrebbe tutelato un unico tratto di territorio tanto caro al Sindaco. A nostro avviso, però, dovrebbe avere lo stesso interesse per tutto il territorio e per tutti i cittadini in egual misura: magari, se fosse possibile, confrontandosi anche con l'opposizione per la migliore alternativa da proporre. Come mai questa posizione intransigente non l'ha portata avanti per l'Ospedale? E' poi imbarazzante che il Sindaco si nasconda dietro una sua mancata competenza a proporre un' alternativa.Il Vice Sindaco Stoppa addirittura, nel Consiglio Comunale dedicato all'autostrada, dopo aver sposato il tracciato arancione contro le campagne, mostrava alla lavagna luminosa alternative che potevano essere proposte dalla giunta attuale; tra l'altro, le norme sono sempre le stesse e allora come mai in campagna elettorale la Paffetti attaccava il precedente sindaco accusandolo di aver portato avanti progetti non in linea con il suo credo? Prima, secondo la Paffetti, il Sindaco aveva potere e ora non lo ha più; in entrambi i casi, lo scettro del potere era in mano alla regione che a questo punto deciderà da sola con forte rischio del peggiore tracciato possibile perchè costretta dalla Giunta Paffetti che ha detto no a tutto senza proporre alternative. La verità sta nel fatto che il Sindaco, ormai in un vicolo cieco con la sua nuova giunta, cerca di arrampicarsi sugli specchi. Ribadiamo comunque, con grande responsabilità come opposizione consiliare, la nostra disponibilità a discutere senza pregiudizi con la maggioranza: siamo disposti a confrontarci su di un progetto alternativo da proporre, per tutelare tutto il territorio e tutti i cittadini in egual misura."

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK