Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rustici: "Scarlino roccaforte dei diritti della donna"

Per l'assessore alle politiche sociali, numeri impressionanti per violenze e discriminazioni

Condividi su:

SCARLINO - "Sono andata in ospedale, ho detto che era stato mio marito a picchiarmi. Ma non l'ho denunciato. Perché volevo tornare a casa. Ero convinta di essere io a sbagliare”. Questa dichiarazione, ripresa da un articolo della giornalista Francesca Sironi, fotografa una situazione di arretratezza culturale che è diffusa in tutta Italia e rispetto alla quale non credo che le discussioni sull’omofobia  o della violenza sulle donne siano risolutive se confinate in una importante “giornata”. 

Ecco perché torno sulla giornata della violenza sulle donne: perché, nel quadro generale della violenza in senso assoluto, se ne continui a parlare e il parlarne abbia come obiettivo il cercare soluzioni, elaborare strategie per attuare qualcosa di concreto nel lungo e medio periodo, se non nell’immediato futuro.  

Il problema ha radici antiche, nel patriarcato, ma adesso è diventato un emergenza sociale diffusa. Basti pensare che l’occupazione femminile, a fronte di una media OCSE del 58%, in Italia è del 45%, e che i primi della classe in Europa, Danimarca, Gran Bretagna, Germania, sono rispettivamente al 75, 68 e 65%.

Siamo gli ultimi, insomma, superati anche dalla Grecia al 48% (Gender Brief Ocse Marzo 2010). Sono numeri che comunque aiutano a capire come la violenza contro le donne abbia radici culturalmente definibili e diffuse nel mondo “civile”. La crisi economica alimenta la discriminazione e la discriminazione ci fa sprofondare ancora di più nella crisi.
Un circolo perverso che la politica deve spezzare, se vogliamo uscire dal pantano in cui siamo, perché la politica e le istituzioni devono togliere ossigeno ai fenomeni di violenza che si verificano tutti i giorni, tanto da dover ammettere che “ci siamo abituati”. Le cifre della realtà quotidiana dicono che ogni 2 giorni muore una donna per mano di un uomo.

Bisogna fare qualcosa anche nell’immediato: pene più severe e soprattutto certe per gli stalker e gli aggressori da una parte e dall'altra e offrire subito rifugio e assistenza psicologica a quelle donne che riescono a manifestare la decisione di liberarsi degli aguzzini.
Scarlino ha aderito e dato sostegno alla rete del “Codice Rosa” così come ha già avviato rapporti con l'articolato mondo del volontariato, nell'occasione dell'ultima consulta del sociale; del resto l'ubicazione di Scarlino si presterebbe a soluzioni che possano offrire una protezione sicura. Impresa non facile, ma dobbiamo provarci e riprovarci".
 
Paolo Rustici
Assessore alle politiche sociali Comune di Scarlino
Responsabile Idv Enti Locali provincia Grosseto
Condividi su:

Seguici su Facebook