Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Grosseto, cessazione attività", i negozi chiusi del centro storico finiscono su You Tube

Da ieri online un video di denuncia sulla crisi economica che sta attraversando la città

Condividi su:

GROSSETO – Un collage di fotografie ritraenti saracinesche chiuse e cartelli di "vendesi" o "cedesi attività". E' questo il fotogramma copertina del video "Grosseto, cessazione attività!" che da ieri sta rimbalzando sui profili Facebook di molti cittadini grossetani che hanno a cuore la propria città. Un modo per sottolineare ancora una volta quanto la crisi economica stia ancora mietendo vittime.
Gli autori del video, datato martedì 14 gennaio, spiegano infatti di avere fatto un giro per la città e aver fotografato quello che hanno visto: negozi chiusi, saracinesche abbassate, cartelli pubblicitari su maxi sconti e liquidazioni totali per cessazioni attività, lucchetti ai cancelli, strutture abbandonate o non più utilizzate come la Biblioteca Chelliana e il cinema Marraccini di via Mazzini, la sala Eden sulle Mura, il Palazzo Garibaldi in via Mameli. Un totale di 101 ditte chiuse a Grosseto solo nel 2013, 315 in tutta la provincia. Un ritratto di una città che sta morendo abbandonata a se stessa, senza prospettiva per i giovani, come recitano gli attori del video. Un parere condiviso, viste le oltre 1000 visualizzazioni avute in poco più di 24 ore. Ma soprattutto un modo per ribadire la voglia e il bisogno di cambiamento: con le parole "dovremmo pensare di cambiare qualcosa!" e un encefalogramma piatto si chiude il video. L'ennesimo grido di aiuto del centro storico di Grosseto.

Per vedere il video clicca qui.

Condividi su:

Seguici su Facebook