Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fare Grosseto lancia un monito: “Attenzione, rischiamo ancora il taglio dei treni veloci”

"Il nostro territorio rischia l'isolamento con gravi danni economici sul comparto turistico"

Condividi su:
GROSSETO - Ancora problemi sui trasporti ferroviari. C'è ancora da stare in allerta e Fare Grosseto è pronta a dare battaglia per il diritto dei pendolari e di tutti i cittadini grossetani di poter usufruire dei mezzi pubblici.
Nel  nuovo orario di Trenitalia, pubblicato nei giorni scorsi,  si registrano  ancora una volta defezioni importanti per i servizi per la nostra città.
Fare Grosseto si oppone alla decisione dell'azienda di sopprimere i treni veloci che collegano il capoluogo maremmano ai principali centri del  Nord e del Sud.
"È inconcepibile la riduzione e la cancellazione dei treni veloci in transito su Grosseto – dicono dal movimento - La nostra provincia  sta assumendo sempre più un ruolo marginale per i trasporti ed i collegamenti. Il nostro territorio rischia l'isolamento con gravi danni economici sul comparto turistico, di per sé già sofferente”.
Molti pensano che la panacea di tutti i mali potrebbe essere la realizzazione dell'autostrada. “La fantomatica Tirrenica avrebbe costi elevati, con pesanti ripercussioni sull'ambiente e sulle attività produttive esistenti che verrebbero irrimediabilmente pregiudicate – torna a dire Fare Grosseto – Ricordiamoci che per la 'nostra' autostrada, nei disegni di Sat, è previsto pure un costo di pedaggio fra i più cari in Europa”.
Per tutti questi motivi il servizio pubblico, specie in un momento di crisi economica come questo, assume un ruolo fondamentale, soprattutto per i pendolari che devono necessariamente prendere il treno tutti i giorni per recarsi a lavoro.
“L’obiettivo di Trenitalia è solo di far quadrare il bilancio economico – concludono da Fare Grosseto - purtroppo i bisogni dei cittadini e del territorio vengono sempre più frequentemente dimenticati. Non vogliamo mantenere privilegi, questa è una questione di diritti”.
Condividi su:

Seguici su Facebook