Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Una pura formalità, il capolavoro di Tornatore in scena agli Industri

L'appuntamento martedì 25 al teatro degli Industri. Nel pomeriggio Glauco Mauri incontra il pubblico nell'ambito dei laboratori

Condividi su:
GROSSETO - Una versione teatrale del capolavoro cinematografico di Giuseppe Tornatore che ha visto protagonisti Gérard Depardieu e Roman Polansky. Spettacolo avvincente e ricco di mistero. Tutto questo e' Una pura formalità, lo spettacolo con Glauco Mauri e Roberto Sturno di scena martedì 25 marzo al teatro degli Industri di via Mazzini a Grosseto. E proprio il protagonista Glauco Mauri, per presentare lo spettacolo, incontrera' nel pomeriggio alle 18,15 il pubblico, nell'ambito dei laboratori promossi dall'associazione culturale Escargot.
Lo spettacolo: La scelta che non ti aspetti: Mauri e Sturno portano in scena una versione teatrale del capolavoro cinematografico di Giuseppe Tornatore che ha visto protagonisti Gérard Depardieu e Roman Polansky. Spettacolo avvincente e ricco di mistero,Una pura formalità è il racconto di un omicidio e di un famoso scrittore, Onoff, che trovato a vagare sotto la pioggia privo di documenti viene fermato per accertamenti. Un serrato interrogatorio condotto da un ambiguo, duro e impietoso commissario di polizia è l’occasione per indagare sulla sua persona. Attraverso il confronto Onoff cercherà prima di tutto di comprendere se stesso e ricostruirà pezzo per pezzo la propria vita in un’angosciosa ricerca di prove concrete della propria esistenza. Sono quindi le domande, non le risposte, le protagoniste di quest’opera densa di sfumature e costellata di finestre che mostrano paure, fragilità e debolezze della natura umana.
 
La stagione teatrale prosegue con:
 
venerdì 4 aprile 2014 TEATRO DEGLI INDUSTRI
LA TEMPESTA di William Shakespeare
con Alberto Astorri, Valerio Binasco, regia Valerio Binasco
 
lunedì 7 aprile 2014 TEATRO MODERNO
VIVIANI VARIETA’ di Raffaele Viviani
con Massimo Ranieri, regia Maurizio Scaparro
Condividi su:

Seguici su Facebook