Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'La tempesta , al Moderno va in scena la 'Popular Shakespeare kompany '

Venerdì 4 aprile alle 18 la compagnia incontra il pubblico al ridotto del teatro degli Industri, mentre alle 21 va in scena lo spettacolo al teatro Moderno

Condividi su:
GROSSETO - Uno dei testi più amati del teatro di ogni epoca, la tempesta di William Shakespeare, è di scena il prossimo venerdì 4 aprile al teatro Moderno nell'ambito della stagione teatrale del Comune di Grosseto e di Fondazione Toscana Spettacolo. Diretto da Valerio Binasco, lo spettacolo è messo in scena dalla Popular Shakespeare kompany .
Nella stessa giornata si tiene il quinto ed ultimo appuntamento con gli incontri del progetto "AracneLAB", organizzati dell'associazione culturale Escargot con i protagonisti degli spettacoli in cartellone. L'incontro, che vedrà la partecipazione degli attori della Popular Shakespeare kompany , è in programma venerdì 4 aprile alle 18 al ridotto del teatro degli Industri, è aperto a tutti e sarà coordinato da Franco Farina.
Lo spettacolo: La luce del sole ci rassicura, la notte ci angoscia. Eppure, proprio perché oscure, le tenebre sono mille volte più poetiche. Sarà che tutto ciò che è chiaro, non ha bisogno di alcuna domanda e la poesia nasce proprio dal sentirsi naufraghi senza risposte. La Tempesta di Shakespeare è uno dei testi più amati del teatro di ogni epoca, proprio perché sospeso nelle tenebre, in un mare senza risposte. “Gran parte del suo fascino dipende proprio dal suo mistero”, sostiene Valerio Binasco, e potrebbe essere il sottotitolo di questa nuova edizione del capolavoro affidata agli attori dell’agguerrita Popular Shakespeare kompany. Abbandonati su un’isola deserta, ai margini di una civiltà al tramonto, Ariel, Calibano, il mago Prospero forse non sono altro che controfigure di tutti noi, naufraghi seduti in platea. Anche noi senza risposte.
La compagnia: "La Popular Shakespeare kompany non è solo un progetto artistico, ma è anche un progetto ideologico, dunque. Nasce grazie all’energia di artisti e collaboratori che desiderano fare ancora il grande tratro, e di farlo nell’epoca della sua condanna, della sua impossibilità. E’ un’idea di teatro ‘ecologica’, non inquinante: non ci sono sperperi di denaro, non c’è politica, non c’è routine, non c’è bugia. C’è il teatro come deve essere: festoso e disperato. Ed è con festosa disperazione che stiamo lavorando per dotarci di un repertorio classico, perché è nostra convinzione che il pubblico contemporaneo vada in qualche modo riconnesso con la tradizione della festa, quella festa dell’umanità che è poi la tradizione del teatro. I grandi autori abitavano un mondo pieno di fiducia per l’arte e la loro era una grande arte piena di fiducia per il mondo. Ecco perché la gente ama i classici, a teatro, e sembra non stancarsi mai dei celebri titoli, delle famose antiche storie. C’è un bisogno di favola che solo i grandi classici come Shakespeare possono continuare ad offrire al pubblico."
Biglietti: I biglietti sono disponibili in prevendita sul sito web del Comune di Grosseto all'indirizzo www.comune.grosseto.it o attraverso il box office ai siti www.boxol.it e www.boxofficetoscana.it. Sono inoltre disponibili il giorno dello spettacolo presso il botteghino del teatro Moderno in via Tripoli dalle 16 alle 20.
Informazioni: mail promozione.cultura@comune.grosseto.it Tel. 334.1030779 - 0564488794 - 0564488060
Condividi su:

Seguici su Facebook