Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ambiente e territorio: il comunicato del M5S di Scarlino

Il programma del Movimento 5 Stelle

Condividi su:

SCARLINO - L’ambiente, tema scottante e delicato per il territorio, non poteva mancare nel programma del Movimento 5 Stelle di Scarlino, consultabile in rete nel sito http://www.scarlino5stelle.it/main/.

"Il territorio di Scarlino comprende diversi sistemi ambientali tra loro connessi: la pianura alluvionale (la Piana), la zona umida (il Padule), la costa e il mare. In un ecosistema così complesso si è sviluppata un’intensa attività industriale (area del Casone) intensificata, negli ultimi anni, con la messa in opera dell’inceneritore. La presenza dell’industria e le attività minerarie del passato hanno creato una forte criticità ambientale: suolo, acque di falda, e aria presentano inquinamenti da metalli pesanti, PM10 e gas nocivi. Le risposte date dalle amministrazioni che fino ad oggi hanno governato il territorio sono state, tuttavia, assolutamente inadeguate.
Intendiamo attuare fermamente un sistema di politiche ambientali che tenga conto della situazione esistente e che miri a risanarla prevedendo allo stesso tempo la pianificazione di uno sviluppo sostenibile ed eco-compatibile. Intendiamo sviluppare in accordo con Arpat e Asl un piano di monitoraggio in continuo per le aziende con un elevato impatto ambientale, un monitoraggio controllato da enti terzi ed effettuato anche nelle acque del canale che, come spesso accaduto in passato, è stato sede di “inspiegabili” morie di pesci.
Riteniamo inoltre che una sinergia con le amministrazioni limitrofe sia necessaria per bonificare la falda acquifera del Casone. Contestualmente prevediamo di attuare in aree pilota progetti di fitodepurazione che, nel tempo, dovrebbero ridurre il contenuto di metalli pesanti nei suoli. Vediamo, infatti, la bonifica della Piana come una opportunità di sviluppo e sperimentazione di know-how per il ripristino ambientale di aree industriali e minerarie, con possibilità di accesso a fondi europei e la formazione di un polo avanzato di ricerca e sviluppo in questo campo.

Anche lo smaltimento dei rifiuti è parte del problema ambientale perché in Italia, e quindi anche nel nostro territorio, sono adottati principalmente due metodi molto inquinanti: discarica e incenerimento. Ecco che legata all’Ambiente in modo quasi diretto entra la strategia rifiuti zero. Obiettivo del Movimento 5 Stelle è quello di adottare questa strategia con un percorso composto di diverse azioni virtuose che conducono al Riciclo Totale. Le principali azioni descritte nel programma riguardano: estensione all’intero territorio cittadino della raccolta differenziata “porta a porta”, adozione degli strumenti tecnici necessari al passaggio dalla TIA presuntiva alla TIA puntuale e valutazione dell’eventualità di svincolarsi dall’attuale gestore dei rifiuti.
La strategia rifiuti zero prevede anche, come descritto nel nostro programma, la riconversione degli impianti esistenti di smaltimento rifiuti. Nel caso del nostro territorio, si tratterebbe di riconvertire l’inceneritore in impianto di trattamento a freddo del rifiuto residuo (es. Trattamenti meccanico-biologici) e in impianto di riciclo dei rifiuti. Questa riconversione porterebbe notevoli vantaggi ambientali e molti posti di lavoro, come documentato da numerosi studi e casi reali.
Siamo assolutamente convinti e siamo consapevoli che rifiuti zero non è un’utopia; più di 200 comuni in Italia praticano la strategia con successo, comuni del tutto comparabili con Scarlino per dimensioni territoriali e numero di abitanti.
Quanto descritto brevemente troverà attuazione nella nostra azione amministrativa che vedrà sempre e comunque come attori principali i cittadini. Per questo, il portavoce candidato sindaco Marco Mazzei e i cittadini del Movimento 5 Stelle di Scarlino chiedono la collaborazione della cittadinanza."

Condividi su:

Seguici su Facebook