Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Utili”: il progetto della Provincia diventa operativo

I Comuni di Orbetello, Magliano in Toscana e Gavorrano hanno aderito all'iniziativa

Condividi su:

GROSSETO - Il progetto della Provincia “Utili” diventa operativo: i Comuni di Orbetello, Magliano in Toscana e Gavorrano hanno aderito all'iniziativa dell'amministrazione provinciale, dando così l'opportunità a 10 lavoratori in cassa integrazione o in mobilità di fare un'esperienza di lavoro all'interno dell'Ente pubblico, per approfondire competenze e acquisire nuove professionalità.

Di questo hanno parlato il presidente della Provincia Leonardo Marras, insieme ai rappresentanti dei Comuni e delle organizzazioni sindacali, nella conferenza stampa che si è svolta stamani a Palazzo Aldobrandeschi.

“Utili – spiega Leonardo Marras – è un progetto sui lavori socialmente utili, pensato per avviare un percorso di aggiornamento delle competenze e di ricollocazione dei lavoratori in cassa integrazione o in mobilità. Uno strumento innovativo che mantiene attivi questi lavoratori garantendo loro una condizione psicologica sicuramente migliore. Il progetto parte con l'esperienza di Orbetello, Magliano e Gavorrano. Questo è il primo importante step: il lavoro che faremo insieme alle organizzazioni sindacali, è quello di promuovere l'iniziativa in tutti i Comuni, perché sono oltre 1000 i cassa integrati a zero ore e migliaia i percettori di aspi. Se tutte le amministrazioni comunali aderiscono, con le risorse che abbiamo destinato oggi alla misura siamo in grado di coinvolgere nel progetto almeno 200 lavoratori”.

“Utili – sottolinea ancora Marras - promuove una nuova concezione della cassa integrazione: non più come luogo metafisico, in cui si è sospesi passivamente, in un attesa senza tempo, ma come un'opportunità per aggiornarsi e crescere professionalmente. Una misura a doppia utilità sociale perché non risponde solo ai bisogni dei lavoratori, ma contribuisce anche al miglior funzionamento dei servizi pubblici, a beneficio della collettività. Ringrazio i Comuni che hanno colto il senso e il valore, anche simbolico, del progetto e le organizzazioni sindacali per la collaborazione che ci garantiscono.”

Con Utili, il Comune di Orbetello inserirà 3 lavoratori, 20 ore a settimana, per 5 mesi: un lavoratore sarà inserito nella biblioteca comunale e si occuperà di distribuzione dei libri, di apertura e chiusura, riordino dei locali, controllo delle sale; un lavoratore si occuperà di tutte le attività di supporto all'organizzazione di manifestazioni estive; un lavoratore sarà utilizzato negli uffici del servizio educativo e sociale.

Il Comune di Magliano in Toscana inserirà 2 lavoratori, 20 ore a settimana, per 5 mesi come supporto alle attività comunali di manutenzione del verde, allestimenti per manifestazioni estive, manutenzione ordinaria di spazi comunali, igiene urbana.

Il Comune di Gavorrano inserirà 5 lavoratori, 30 ore a settimana, per 6 mesi: 3 lavoratori si occuperanno di manutenzione degli spazi comunali e di piccole attività di edilizia, 2 lavoratori saranno a supporto dell'attività amministrativa degli uffici comunali.

La Provincia rimborserà al lavoratore il 50 per cento dell’indennità di partecipazione, fino un massimo di 500 euro una tantum a lavoratore, a fronte della sua effettiva partecipazione ad almeno il 70 per cento delle ore complessive di utilizzazione e di formazione, ad eccezione dei casi d’interruzione per ricollocazione lavorativa. Altre 500 euro una tantum, a lavoratore, saranno sostenute dal Comune. Utili è rivolto a lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria (a zero ore e senza rotazione); a percettori d’indennità di mobilità; a percettori di assicurazione sociale per l’impiego, la nuova indennità di disoccupazione. L’utilizzazione del lavoratore cessa automaticamente al termine del periodo di godimento del trattamento previdenziale. Il Centro per l’Impiego preselezionerà le candidature, svolgendo un’istruttoria di ammissibilità delle domande. L’Ente utilizzatore procederà poi all’individuazione dei lavoratori, dando precedenza ai residenti nel comune dove si svolge l’utilizzazione e ai soggetti con il maggior periodo residuo di trattamento.

Condividi su:

Seguici su Facebook