Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fare Grosseto: "Freccia bianca e Intercity fondamentali per la nostra città"

"Chiediamo ai partiti un impegno concreto senza divisioni o tentennamenti"

Condividi su:

GROSSETO - "La stazione ferroviaria è una risorsa. Patrimonio della città e suo biglietto da visita. E deve essere salvaguardata. Ecco, ora che sono trascorse le elezioni, ora che la (legittima) corsa della politica verso la ricerca del consenso va pian piano rallentando, adesso chiediamo ai protagonisti dei partiti un impegno concreto e libero da ogni retro pensiero: riqualificate la stazione del capoluogo della Maremma.

Non parliamo solo del puro e semplice restyling di quella zona, già avviato da tempo. Ma intendiamo porre l’accento su quella che è la questione più importante: il traffico dei treni.
Insomma, oltre ai dovuti lavori, la stazione ha soprattutto bisogno di treni. Potrà sembrare banale, ma banale non è affatto. Troppe le occasioni perdute negli ultimi anni. Troppi, viene da dire, i treni persi. Le occasioni sfumate. I Freccia bianca, così come gli Intercity, sono fondamentali per la nostra città e per la Toscana. Potenziare i loro passaggi (o almeno mantenere quelli esistenti) e migliorarne la qualità è un requisito indispensabile se si vuol davvero sostenere il comparto turistico.
I collegamenti di cui disponiamo, già di per sé penosi, negli ultimi mesi sono addirittura peggiorati. Ricordate? Il tratto ferroviario Siena-Grosseto è ancora chiuso e la stessa cosa vale per quello sulla Porrettana.
Per rimettere tutto in moto, va detto, nonostante la scarsità di risorse, sono stati annunciati alcuni fondi di Rete ferroviaria italiana. Così come la Regione ha predisposto un crono programma. Notizie importanti che dimostrano la bontà dell’intervento di Comune e Provincia.
Ma occorre fare di più. Occorre che la politica tutta difenda il servizio ferroviario maremmano, senza divisioni o tentennamenti. Il collegamento su binari deve essere ancor più tutelato rispetto a quanto già è stato fatto in passato. Altrimenti rischiamo l’isolamento. E di certo non possiamo permettercelo".

 

Fare Grosseto

Condividi su:

Seguici su Facebook