Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Follonica: ancora danneggiamenti alle aree di sgambamento cani

Ennesimo atto vandalico al parco della gioventùi

Condividi su:

FOLLONICA - Nessuna pace per le aree di sgambamento nella città del golfo. L'ennesima azione di deturpamento è avvenuta pochi giorni fa, con l'abbattimento, ad opera di ignoti, di un alberello piantato dall'ass.ne “Amici dei Cani” all'interno dell'area prospiciente il parco della gioventù, in viale Europa. L'ultimo atto sconsiderato di una lunga serie, che ha visto vanificare l'opera dell'associazione di rendere i luoghi decorosi, con i cancelli in legno divelti o spariti, come il tubo di gomma che serviva ad innaffiare e le piante, vittime di potature drastiche e adesso sradicate. Anche i dispenser per i sacchetti igienici hanno subito la stessa sorte, spariti nel giro di una notte, come dei fuochi accesi sulle panchine, che sono rimaste parzialmente deturpate. L'ass.ne Amici dei cani lamenta anche l'isolamento di cui soffrono, per l'aiuto al mantenimento dell'area in loro gestione, con molte promesse da parte della politica, in virtù delle elezioni amministrative, ma a tuttora senza un valido riscontro. L'associazione, creata il 12 dicembre 2012 e adesso forte di 223 iscritti, resiste nei suoi propositi per il mantenimento e decoro dell'area, senza contare l'opera di informazione nei negozi, che ha portato ad accettare gli amici a 4 zampe in molti di essi e a sottoscrivere un rapporto di convenzione sui servizi offerti con l'associazione stessa. “Vogliamo poter collocare nel parco una casettina di legno per il ricovero degli attrezzi – raccontano gli amici dei cani - ma bisogna chiedere il permesso ed aspettare che qualcuno ne parli in Consiglio Comunale per fare variare il piano regolatore perché è zona parco, attendiamo fiduciosi i nuovi sviluppi”. Sdegno e condanna per l'ennesima azione sconsiderata di ignoti, forse annoiati “passanti notturni” come gente infastidita dall'area stessa, per la quale molti cittadini chiedono a gran voce una maggiore vigilanza, in ogni modo possibile.

Condividi su:

Seguici su Facebook