Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Furti sull'Amiata, presi probabilmente i responsabili

I Carabinieri nei primi giorni di gennaio hanno fermato e deferito diversi malviventi che in tutta la Maremma avevano commesso furti

Condividi su:
SANTA FIORA – I Carabinieri di Santa Fiora e Arcidosso hanno denunciato in stato di libertà due cittadini serbi.
Gli uomini sono erano stati sorpresi, nella notte di ieri, con guanti da lavoro e piede di porco nascosti nello zaino, mentre si aggiravano lungo le strade di Santa Fiora.
Visti i vari furti che erano stati fatti in alcuni paesi dell'Amiata, i Carabinieri hanno aumentato i controlli nelle ultime due settimane, estendendoli anche ad altre zone della provincia, portando non pochi risultati.
Ad Albinia, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà, nell’ultimo giorno del 2013, due italiani, autori, in concorso, di furto aggravato di felpe e scarpe all’interno di un negozio di articoli sportivi.
A Scarlino,sempre i militari hanno denunciato a piede libero un 38enne di origini livornesi, responsabile del furto di un giaccone di pelle all’interno del dancing ‘Bolero’, lasciato momentaneamente incustodito su una poltrona.
La compagnia Orbetello, l’8 gennaio, ha arrestato, in flagranza di reato, un ventiquattrenne cittadino romeno, sorpreso all’interno del ‘bar La perla’ a danneggiare slot machines per asportarne il contenuto.
Sempre ad Orbetello, poi, nella giornata di ieri a parziale conclusione dell’attività d’indagine conseguente a tale tentativo di furto, i carabinieri hanno deferito in stato di libertà altri tre connazionali dell’arrestato, ritenuti suoi complici nel delitto.
Infine, i carabinieri di Follonica hanno arrestato in flagranza di reato di tentato furto un pregiudicato 23enne, sorpreso dai militari all’interno di un appartamento dove si era introdotto, dopo aver invano tentato l’effrazione della porta blindata di ingresso, arrampicandosi sull’impalcatura esterna di un cantiere edile lì allestito.
Condividi su:

Seguici su Facebook