Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lynn: "Riqualificare le strutture ricettive. Con la tassa di soggiorno si può"

Condividi su:
FOLLONICA - "Riqualifichiamo le strutture turistiche di Follonica utilizzando parte dell'imposta di soggiorno". E' questo l'appello lanciato da Charlie Lynn del Gruppo misto Follonica. "Dopo le dichiarazioni del Sindaco, secondo la quale il comune di Follonica ha incassato in un anno oltre 500 mila euro di gettito per l'imposta di soggiorno, un aumento nel 2013 pari a 150 mila euro nei confronti del 2012, si perdono le ricette dei vari candidati e partiti sul suo utilizzo. In questi anni dai banchi della minoranza sono sempre stato molto propositivo sul come investire gli introiti, infatti noto con piacere che quasi tutti i partecipanti alle primarie hanno attinto dalle idee portate avanti dall'opposizione nel proprio programma. Aumentando gli introiti - precisa Lynn - ritengo sia opportuno proporre nuove ricette per la città: quindi riconfermata la volontà di spenderli nel decoro, nella destagionalizzazione, nella promozione, negli eventi e nella formazione, credo sia opportuno andare oltre. Per capire cosa fare di questi denari è sufficiente rispettare la legge in materia che indica nella ristrutturazione e manutenzione delle strutture ricettive la forma preferita di investimento. Con gli incassi della tassa di soggiorno è possibile perciò creare un fondo di rotazione che il comune mette a disposizione per la riqualificazione delle strutture alberghiere della città: occorre un bando di gara per l’accesso al fondo che selezioni gli interventi di ristrutturazione più belli con criteri premiali per la bioedilizia e il risparmio energetico.
Considerate le enormi ed a volte insormontabili difficoltà per ottenere finanziamenti bancari, il comune potrebbe in tutto od in parte sostituirsi alla banca e fornire un serio finanziamento ad interessi pari allo zero. Le cifre che il Comune metterebbe a destinare per questi investimenti di riqualificazione potrebbero esser ben superiori ai 150 mila euro annui introitati dalla tassa attraverso un meccanismo a scalare che metta a disposizione del bando di gara anche una parte decrescente dei futuri introiti della tassa. Ma, senza perdersi in tecnicismi, credo - conclude Lynn - che questa sia una soluzione molto concreta per affrontare questa crisi tremenda e non disperdere, come è stato fatto in questi due anni, i gettiti della tassa di soggiorno poichè il fondo si autoriprodurrebbe. Riqualificare le nostre vecchie strutture si può".

 
Condividi su:

Seguici su Facebook