Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"No ai giochi di potere, lasciate fuori dagli intrighi di palazzo Magliano in Toscana"

Intervento del candidato a sindaco Salvatore Condipodaro della lista civica Amministra con Noi

Condividi su:
MAGLIANO IN TOSCANA - "Barbara Pinzuti a nostro avviso - dice il candidato a sindaco di Magliano Salvatore Condipodaro -  ricopre il ruolo di segretario del Pd provinciale in maniera inadeguata, specialmente nel coordinamento delle situazioni politiche locali; non lo diciamo per mera propaganda politica, per noi parlano i fatti. Basta guardare infatti quello che sta succedendo a Monte Argentario, ad Orbetello, a Capalbio e nel nostro comune, Magliano in Toscana. La situazione che si è creata sta diventando vergognosa: come può essere possibile che lo stesso partito, il Pd comunale, in accordo con il suo segretario provinciale, faccia un patto di coalizione a favore di un candidato e poi esponenti dello stesso schieramento sostengano un avversario nello stesso municipio? Per lo più un aspirante sindaco di un partito di destra come Fratelli d'Italia? Con quale coraggio queste persone chiedono la fiducia ai cittadini per governare?
E' sconcertante che Giancarlo Tei sostenga apertamente il candidato sindaco di Magliano Oggi, che appartiene dichiaratamente al consiglio costituente di Fratelli d'Italia. Possiamo forse capire che qualcuno ha bisogno di reciproco aiuto in vista delle elezioni del 2015, ma davvero un partito deve “vendere” la sua dignità per soddisfare le ambizioni personali di piccoli politici provinciali? Queste persone devono capire che il loro modo di operare altro non è che un'offesa all'intelligenza di coloro a cui chiedono fiducia.
Noi diciamo no a certi bassi giochetti, che li facciano a Grosseto ma lascino fuori Magliano in Toscana: nella nostra comunità c'è gente onesta e capace, in grado di governare il paese, e non abbiamo bisogno di attingere amministratori da altri contesti. Quello che avete messo in scena è il frutto indegno di una democrazia che voi evidentemente calpestate per puri motivi personali."
Condividi su:

Seguici su Facebook