Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Gli allievi dell'Asd Hung Sing Kung Fu di Grosseto brillano al torneo nazionale di Ladispoli

Si sono contati 170 iscritti e oltre 200 medaglie consegnate

Condividi su:

GROSSETO -  Una giornata all'insegna di sport e divertimento, tanti bambini, grande adesione ed entusiasmo alle stelle: sono stati questi gli ingredienti principali del torneo Hung Sing Kung Fu Martial Arts Academy organizzato il 1 Giugno 2014 a Ladispoli, sede principale a livello italiano della scuola di arti marziali.

Molte, le categorie in cui adulti e bambini hanno potuto confrontarsi: TaoLu, mani nude, forme con armi ed in coppia, Tai Chi, Sanda, GroundFighting Tuei Shou e Shuai jiao.
La decima edizione del torneo, si è aperta con la tradizionale danza del leone che grazie alla sua spettacolarità ha entusiasmato il pubblico, poi via alle gare.
Per la Hung Sing di Grosseto moltissimi sono stati i bambini in gara che per le loro capacità, per l'entusiasmo e la grinta, sono riusciti a strappare agli avversari diverse medaglie tra oro, argento e bronzo.
Bravi anche gli allievi del corso adulti che hanno saputo tener alto il nome della scuola grossetano gareggiando in forme a mani nude e in coppia di alta difficoltà.
Il Torneo Hung Sing, che a livello europeo conta il maggior numero di partecipanti, è stato possibile grazie a Tai Sifu Roberto Fasano e Tai Sifu Simona Fruscoloni che come ogni anno si sono prodigati nella riuscita dell'evento, ma anche grazie a tutti i Sifu e Si hing che hanno prestato il loro contributo.
Di seguito i nomi dei bambini della Hung Sing di Grosseto che hanno partecipato al torneo: Beligni Matteo, Bonaccorsi Lorenzo, Cagnani Tommaso, Cognata Riccardo, Cornescu Valerio, Curci Davide, Di Vittorio Emanuele, Fabbrucci Emma, Fabbrucci Gabriele, Ferrari Andrea, Giuggioli Matteo, Grecu Danu, Gualtieri Thomas, Andreas Kvale, Cornelius Kvale, Poloniato Filippo, Ricci Rocco, Serrai Monari Wiliam, Serrai Monari Tommaso, Sorbo Alessandro, Tonelli Giotto e Venturelli Giulio.

Condividi su:

Seguici su Facebook