"Quando allenavo a Follonica...": su internet spopola il tormentone di Nicola Savino

L'imitatore di Radio Deejay si esalta con un Mazzarri "pazzo" di Follonica

| di Davide Lesti
| Categoria: Attualità
STAMPA

Nicola Savino colpisce ancora: l'eclettico presentatore tv, nonchè conduttore radiofonico e bravissimo imitatore, lancia un nuovo tormentone nel noto programma "Ciao Belli" di Radio Deejay. Dopo il "mi-ti-co" di un Giampiero Galeazzi troppo spesso scocciato dalle numerose telefonate, l'imitatore sta spopolando con la parodia dell'allenatore dell'Inter Walter Mazzarri. E, questa volta, il tormentone parla maremmano: "Quando allenavo a Follonica..." è la frase ricorrente di un Mazzarri che esalta le sue origini in "provincia", con una serie di aneddotti (naturalmente non reali) che l'ex tecnico del Napoli avrebbe vissuto nella città del Golfo. Un "toscano verace", tanto da far fatica a pronunciare le consonanti finali di tutti i nomi: Walter si trasforma in "Walte", l'Inter in "Inte", il Milan in "Mila" e giocatori come Jonathan e Belfodil diventano "Jonatà" e "Belfodì".

La parodia, che sta spopolando sul web e sui principali Social Network, nasce dalle prime esperienze vissute dal Mazzarri calciatore: il tecnico di San Vincenzo, calciatore professionista per più di quindici anni, muove i suoi primi passi nel rettangolo verde proprio a Follonica. Savino, prendendo spunto dal curriculum da giocatore del mister neroazzurro, disegna una Follonica pazza per il calcio e per Walter Mazzarri: "A Follonica ho lasciato grandi ricordi: nella piazza principale è presente una mia statua a grandezza naturale, dove quotidianamente un incaricato del comune provvede alla tinta dei miei capelli." Il Mazzarri di "Ciao Belli" rimembra anche un fantomatico "derby" con il Piombino, con tanto di contestazione da parte dei "quattro ultras che comandavano il tifo organizzato follonichese": "Quando perdemmo il derby con il Piombino invitai tutta la curva del Follonica a cena da me, per spiegare i motivi della sconfitta. All'epoca era facile invitare i tifosi, visto che non superavano i quattro elementi a partita: adesso, se invitassi la curva dell'Inter, mia moglie mi caccerebbe di casa." Un'imitazione come sempre spiritosa e mai offensiva, in perfetto stile Savino, che mette comunque in luce un paese che da sempre è stato sinonimo di sport: Walter Mazzarri, per anni centrocampista di Serie A, è cresciuto calcisticamente proprio in una Follonica che, grazie a questa parodia, è sulla bocca di tutto il web.

Davide Lesti

Contatti

redazione@grossetooggi.net
mob. 338.1604651
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK