Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un altro lupo ucciso a Saturnia: voci su un secondo a Scansano

Lav: "Queste persone devono essere fermate"

Condividi su:
GROSSETO  - “E’ indifferente che si tratti di lupi, cani o ibridi. Chi uccide un animale deve essere fermato, soprattutto quando le uccisioni assumono il carattere seriale che stanno prendendo adesso”, dichiara Giacomo Bottinelli, responsabile LAV Grosseto. “Ed è irresponsabile dire che il progetto Ibriwolf sia inconcludente, auspicando soluzioni alternative. Intanto pensiamo a mettere in atto il Piano Provinciale Randagismo che la Provincia ha varato con il coinvolgimento di tutte le categorie coinvolte, dagli animalisti agli allevatori. Ma una cosa è certa: chi commette un crimine deve pagare”.
La Lav prende atto così dell’ulteriore gravissimo episodio di uccisione di un lupo avvenuto il 23 dicembre scorso con l’animale morto lasciato nello stesso punto di quello ritrovato il 20 dicembre. Episodio che non sarebbe stato il solo nei giorni scorsi: “Ci risulta che anche a Scansano un canide sia stato ammazzato ed esposto sulla pubblica via, ma ancora non se ne ha notizia per vie ufficiali”.
Condividi su:

Seguici su Facebook