Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Posti letto al Misericordia: "La risposta di assistenza è garantita e i posti letto sono sufficienti"

La Asl 9 risponde al consigliere del Comune di Grosseto, Simone Marchetti

Condividi su:

GROSSETO - “Abbiamo letto con un certo stupore le affermazioni del consigliere comunale Simone Marchetti, pubblicate oggi sui siti di informazione locale. Evidentemente, gli sforzi della Direzione aziendale della Asl 9 di spiegare gli attuali e i futuri assetti della sanità locale nel corso dell'incontro con la commissione consiliare Sanità del Comune di Grosseto, sono stati vani”.

La Direzione aziendale della Asl 9 interviene sulla questione dei posti letto e dell'assistenza sanitaria all'ospedale di Grosseto, sollevata da un'interrogazione del consigliere comunale, Simone Marchetti, al sindaco di Grosseto.

“Naturalmente ci riserviamo di dare spiegazioni più approfondite e dettagliate al sindaco, se riterrà di coinvolgere l'Azienda nella risposta all'interrogazione; intanto, però, ci preme tranquillizzare i cittadini che non c'è alcuna emergenza posti letto al Misericordia, né si ritiene che possa esserci nel periodo estivo, data la riorganizzazione prevista all'inizio della stagione. Il numero dei posti letto è a regime, non c'è stata nessuna aggiunta repentina, come scrive Marchetti, ma semplicemente sono terminati i lavori di ristrutturazione di una parte dell'Area medica e riattivati i posti letto che erano stati momentaneamente sospesi.

Inoltre, come ogni anno, nei mesi di luglio e agosto è prevista la riduzione dell'attività chirurgica programmata, che peraltro risponde anche alla naturale diminuzione della domanda. Resta invariata l'attività chirurgica di urgenza e quella oncologica, con la necessaria disponibilità di posti letto per i casi che non possono essere, ovviamente, rimandati.

Nessuna riduzione estiva è prevista per i letto di Area medica, anche per dare risposta agli eventuali maggiori accessi al pronto soccorso, in occasione dei picchi di calore eccessivo”.

Condividi su:

Seguici su Facebook