Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tirrenica, interrogazione parlamentare di Nicchi: “Rinunciare all’intero progetto”

La parlamentare grossetana di Sel chiede di dare la priorità alla messa in sicurezza dei territori

Condividi su:

GROSSETO - Autostrada Tirrenica, “la rinuncia a una parte del progetto è una vittoria anche di Sel e degli enti locali”. Così la deputata grossetana Marisa Nicchi (capogruppo Sel in Commissione Affari Sociali), in merito al passo indietro del Governo sulla trasformazione in autostrada del tratto di superstrada fra Rosignano e Grosseto sud.

“Oggi si propone di fare solo metà Tirrenica – aggiunge Nicchi - Si abbia il coraggio di andare fino in fondo e di rinunciarvi del tutto, investendo subito per la realizzazione della cassa di colma di Albinia, per la ricostruzione nella piana dell'Albegna, per sostenere le aziende messe in ginocchio dall'alluvione".

"La Tirrenica – conclude la parlamentare grossetana - non è un'infrastruttura necessaria né può essere una priorità per le aree a sud di Grosseto, dove più forte è il rischio idrogeologico e dove la messa in sicurezza del territorio non è più differibile”.

Per tutte queste ragioni, “depositeremo subito un'interrogazione al Ministro Lupi, al quale chiediamo di venire in aula e di riferire di fronte al Parlamento quale sarà il futuro di quest'opera, nel rispetto delle competenze, della trasparenza e delle comunità che a gran voce chiedono un ultimo e definitivo passo indietro".

Condividi su:

Seguici su Facebook