Partecipa a GrossetoOggi.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nubifragio a Massa Marittima: proseguono le ricerche di Markus Link

Condividi su:

Proseguono incessanti le ricerche del turista svizzero, scomparso sabato notte nel torrente Satello in Massa Marittima. Le forze dell’Ordine, gli operatori dei Vigili del Fuoco e della Protezione civile, coordinati dalla Prefettura di Grosseto, attraverso la Sala crisi riunitasi presso la sala operativa della protezione Civile, scandagliano senza riposo la zona alla ricerca del disperso.

Il team delle ricerche sarà potenziato già da domani mattina, martedì 8 ottobre, con l’arrivo delle unità cinofile della Polizia di Stato, specializzate per la ricerca e il soccorso di persone. Si tratta di unità che hanno ricevuto una formazione specifica, attraverso rigorosi protocolli, addestrate in particolar modo per la ricerca di cadaveri e tracce ematiche, anche occulte, riescono a individuare tracce anche in corsi d’acqua, dall’asciutto, fiutando le sostanze liberate dalla decomposizione dei corpi.

Le unità cinofile della Polizia di Stato seguono un addestramento mirato a creare un forte affiatamento tra il cane e il conduttore, i quali formano un binomio strettissimo che diventa requisito essenziale per il buon esito dell’attività cui sono destinati.
Tali unità cinofile della Polizia di Stato sono munite di apposite attrezzature, i conduttori hanno la qualifica di manovratore di corda,  mentre i cani sono dotati di imbragature che consentono loro di raggiungere anche le zone più impervie od accidentate, le unità possiedono altresì equipaggiamento alpinistico, salvagente e gps. Uno dei due cani inviati per le ricerche, ha contribuito in modo determinante, nel giugno di quest’anno, alle attività di ricerca e, quindi, al ritrovamento del corpo di Samanta Fava, murata in un’abitazione del centro del paese, Fontechiari, poco lontano da Sora nel Frosinate.

Condividi su:

Seguici su Facebook